Claudia Rainville

claudia rainville metamedicina

Claudia Rainville è la fondatrice della Metamedicina.

 È impossibile scindere le vicissitudini della sua vita dalla nascita della Metamedicina, in quanto il suo particolare percorso ha sicuramente contribuito alla creazione del metodo.

Nata in Québec in un ambiente modesto, il padre non è presente e la madre deve svolgere diversi lavori per poter mandare avanti la famiglia.

La sua sensibilità la porta a chiudersi e rifugiarsi nel suo mondo, dedicandosi allo studio della biologia e microbiologia. Nel 1982 viene chiamata per partecipare alla creazione del dipartimento di microbiologia dell’ospedale Pierre Boucher a Longueuil.

Un terribile sentimento di essere sola e incompresa dai suoi cari la porta a voler mettere fine ai suoi giorni.

A trentadue anni viene dichiarata clinicamente morta dopo un tentativo di suicidio. Ma proprio in seguito a questa dolorosa esperienza inizia una nuova vita: Claudia incontra Lise Bourbeau, e nell’agosto 1984 volta pagina e diventa volontaria a tempo pieno nel suo centro “Écoute ton corps” ("Ascolta il tuo corpo").

Nel 1985 apre la prima succursale di Écoute ton corps, diventa co–animatrice di Lise Bourbeau per il suo corso di formazione degli animatori del metodo, all’inizio dell’anno 1986 riveste il ruolo di Coordinatrice dello sviluppo dello stesso centro.

Nel giugno 1986 Claudia lascia il centro “Écoute ton corps” per poter esprimere tutta la creatività che aveva trattenuto per restare fedele a Lise.

Fonda allora il centro di armonizzazione interiore “L’Éveil Radieux” (il Risveglio radioso), dove svolge terapia individuale e di gruppo.

Studia il funzionamento del cervello limbico e crea il seminario «Liberazione della memoria emozionale», che ha permesso e permette ancora a migliaia di persone di trasformare la loro vita.

Nel 1987 Claudia Rainville crea la Metamedicina, ispirandosi al nome di una trasmissione televisiva alla quale aveva partecipato per presentare il suo approccio.

Nella primavera del 1988, dopo serie difficoltà finanziarie con il suo Centro, riceve il messaggio che deve partire oltremare e che il suo "Maestro" l’aspetta per iniziarla.

Tutto ciò che sa è che deve recarsi ai Giardini di Findhorn, ma è certa di dover partire. Per fare questo dovrà lasciare tutto dietro di sé, i suoi figli, la sua famiglia, i suoi amici, il Centro al quale si è data anima e corpo.

Questa odissea, che Claudia racconta nel suo libro La mia vita per la luce – Dalla depressione alla felicità, la conduce nel sud dell’India dove conosce il grande Avatar Sathya Saï Baba. In seguito si reca in Himalaya dove incontra Sua Santità il Dalai Lama. Questo incontro avrà un’importanza capitale nella sua vita poiché Sua Santità il Dalai Lama diventa il suo riferimento, il suo modello, colui che la ispira a rendere la Metamedicina uno strumento di Compassione e di Risveglio della coscienza.

Il 14 settembre 1989 Claudia Rainville pubblica il primo libro “Partecipare all’Universo – Sani nel corpo e nello spirito” (Participer è l’Univers – Sain de corps et d’Esprit). Questo libro, riveduto e arricchito, diventerà nel 1995: Métamédecine La guérison à votre portée (Ogni sintomo é un messaggio) che sarà il suo best-seller, tradotto in diverse lingue. Clicca qui per guardare una delle prime video interviste di Claudia (in francese).

Nel 1991 sente nuovamente di dover partire per l'India. Questa volta rivede il Maestro Sathya Saï Baba, conosce il Grande Maestro di Béas, segue una formazione all’Unversità Brahma Kumaris, incontra Madre Teresa di Calcutta e partecipa ad una formazione sul buddismo con un lama saggio prima di ritrovare il suo maestro Sua Santità il Dalai Lama.

livre participer a luniverse

 

Da allora ha scritto diversi libri che sono stati tradotti in più lingue, ha tenuto numerosi seminari e conferenze in svariati paesi, ha formato centinaia di persone al suo approccio. Tanti ne sono stati ispirati per creare le proprie associazioni, scrivere a loro volta dei libri o riprendere questi seminari con titoli un pochino diversi…

Attualmente Claudia continua a tenere la formazione di Metamedicina in Italia e in altri paesi, si dedica alla scrittura e alla diffusione dei suoi valori con l'intento di creare un mondo nuovo.

La Metamedicina non intende sostituirsi ai percorsi indicati dalla medicina ufficiale né sostituire alcuna terapia psicologica. Può invece rivelarsi molto efficace come sostegno ed integrazione a un percorso evolutivo personale. I consulenti di Metamedicina non svolgono attività diagnostica, non prescrivono farmaci e non si sostituiscono alle figure ufficiali di riferimento; accompagnano la persona a prendere coscienza delle proprie dinamiche emozionali, fisiche e mentali attraverso le chiavi della Metamedicina per tornare in accordo con sè stessi.